Si terrà domani a Nizza la seconda riunione del partenariato del progetto “ChIMERA – Innovative culturale and creative clusters in the MED area”, finanziato dal programma europeo Interreg MED per la cooperazione tra regioni mediterranee. Il progetto, teso alla costruzione di cluster innovativi e transnazionali nel settore delle imprese culturali e creative, raggruppa 10 partner da 7 diversi paesi europei (Italia, Portogallo, Francia, Albania, Grecia, Slovenia e Spagna) e lavora per sostenere gli attori pubblici e privati del settore culturale e creativo affinché possano aumentare le proprie capacità innovative attraverso il rafforzamento della cooperazione tra imprese, centri di ricerca, enti pubblici e società civile sia a livello regionale che europeo.

 

Il webinar presenta le attività e i risultati principali del progetto Renew School, a cui Informest partecipa in qualità di partner. Durante il webinar saranno approfondite le soluzioni e strategie per la qualità dell'aria interna, il comfort termico e i sistemi di ventilazione efficienti, con richiami ai progetti ed interventi di ristrutturazione in ambito scolastico, soprattutto per quanto riguarda la copertura esterna e sistemi di integrazione delle fonti rinnovabili. Il webinar è gratuito e si svolgerà il 20 febbraio alle 10.30.

Per ricevere il link di accesso ed ulteriori informazioni inviare una email a Marco Pietrobon - eERG Group: marco.pietrobon@polimi.it, L’agenda è consultabile all’indirizzo http://www.renew-school.eu/en/school-renovations-quick-affordable-green-and-healthy-real-examples-and-outcomes-from-the-renew-school-project/

 

“Dettagli per costruzioni passive:  gli standard per la costruzione di case passive raggiunti negli anni e il rinnovo di edifici scolastici secondo standard passivi” è stato il focus della lezione tenutasi il giorno 18 gennaio 2017 all’interno del corso in “Advances in Building Constructions” realizzato dal Dipartimento Politecnico di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Udine .

La lezione, in lingua inglese, è stata introdotta dalla Prof. Anna Frangipane, che ha contestualizzato agli studenti il progetto Renew School e richiamato gli aspetti principali trattati nel corso delle lezioni precedenti.

 

 

Si è tenuta a Siviglia, alla fine del mese di novembre, la conferenza di lancio del progetto MAESTRALE, uno dei 12 progetti approvati nell’ambito dell’asse 1 del programma Interreg Mediterraneo, quello dedicato all’innovazione sostenibile. Il progetto si prefigge, in primo luogo, di fare il punto sullo stato dell’arte nel settore della produzione di “energia blu” nell’area mediterranea (inclusa la legislazione vigente nei vari Paesi), e successivamente, una volta individuate le soluzioni tecnicamente ed economicamente più promettenti, costituire una rete internazionale di laboratori di promozione e sviluppo locali capace di disseminare la conoscenza acquisita sul territorio.

 

Un ginnasio sportivo e due scuole elementari rinnovate con il "metodo Renew School" sono state visitate giovedì 13 ottobre da oltre 80 persone, per la maggior parte studenti universitari della locale Facoltà di Architettura di Anversa, a latere del workshop tecnico organizzato dal partner belga del progetto Renew School.

 

Il progetto SISMA “Supporting Innovative Schemes in the MED Area” è uno dei 49 progetti approvati dallo Steering Committee del Programma MED tenutosi a fine settembre. 

SISMA mira a sviluppare nella macroregione mediterranea schemi di finanziamento innovativi che utilizzano fondi strutturali europei e altri fondi pubblici per finanziare progetti di riqualificazione energetica dell’edilizia pubblica.

SISMA coinvolge 8 partner di 6 Paesi dell’area MED (Italia, Grecia, Spagna, Francia, Bosnia Erzegovina e Slovenia), ha un budget totale di 600.000 € e durerà 18 mesi a partire da novembre 2016.

 

Il progetto ChIMERA-Innovative cultural and creative clusters in the MED area, che mira a costruire cluster innovativi nel settore delle imprese culturali e creative, è stato approvato dallo Steering Comittee del Programma MED il 27 settembre 2016.

Il progetto vede coinvolti 10 partner di 7 Paesi (Italia, Portogallo, Francia, Albania, Grecia, Slovenia e Spagna), guidati dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale cultura, sport e solidarietà, con il supporto di Informest.

ChIMERA avrà una durata del progetto sarà di 30 mesi, a partire da novembre 2016, con un budget complessivo di 2.470.882.00 euro.

 

Ventidue insegnanti provenienti dalle diverse scuole e enti di formazione partecipanti al progetto BlueSKILLS si sono dati appuntamento a Herceg Novi per il primo seminario di formazione volto a creare dei gruppi di lavoro coadiuvati da esperti del sistema educazionale VET nell’area Adriatica.

BlueSKILLS, coordinato da Informest in associazione con la Regione Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università, ha dato la possibilità ai rappresentanti degli istituti scolastici e formativi della regione Friuli Venezia Giulia di incontrarsi con quelli marchigiani, abruzzesi, montenegrini, albanesi, bosniaci, croati per preparare i presupposti della futura rete adriatica di mobilità studentesca.

 

Si è svolta giovedì 21 luglio, presso gli uffici del Palazzo di governo, una riunione operativa del progetto IPA 2013" lotta al crimine organizzato nei Balcani occidentali", attivo in Serbia, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Albania e Kossovo. Il Prefetto Porzio, che guida fin dall'inizio, questa importante iniziativa progettuale del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, ha ricevuto i 5 esperti italiani residenti nei Paesi beneficiari accompagnati da alcuni esperti locali che lavorano al progetto. Si è discusso delle attività investigative da condurre nel prossimo anno soprattutto su reati finanziari, del supporto da assicurare ai laboratori di polizia scientifica e della rilevazione sui flussi informativi e sulle modalità di scambio dati sui casi criminali in essere nei Balcani occidentali. 

 

Sono aperte le selezioni per gli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Trieste, per effettuare tre mesi di tirocinio presso Informest (20 settembre – 21 dicembre 2016, orario part-time: tutte le mattine dal lunedì al venerdì e due pomeriggi a scelta dello studente). Ai candidati viene richiesta un’ottima conoscenza della lingua inglese, un’infarinatura sui progetti europei e la dimestichezza con i social media più diffusi. I candidati ritenuti idonei, in base allo screening dei curricula, verranno convocati tramite e-mail per i colloqui di selezione che si svolgeranno l’8 e 9 settembre 2016.

Gli interessati possono inviare il proprio curriculum vitae entro e non oltre il 6 settembre 2016, via posta elettronica alla dott.ssa Elisa Sfiligoi: elisa.sfiligoi@informest.it.

 

 

Nelle giornate del 13-15 luglio u.s. si è svolta la seconda missione di supporto allo sviluppo economico locale organizzata da Oxfam Italia ed Informest nella città di Goražde, in Bosnia-Erzegovina, nel quadro del progetto per la costituzione di una “Business Improvement Zone” a sostegno delle piccole e medie imprese locali. La delegazione italiana ha visitato una delle aree individuate dagli operatori locali nei dintorni di Goražde come tra le più promettenti per uno sviluppo turistico di tipo naturalistico, vale a dire la zona di Bjela Voda, immersa nella vasta aerea boschiva che si estende a ovest della città. Un’intera giornata è stata poi dedicata alla formazione degli operatori locali, con una sessione di training in “Destination Management”  - ovvero, come sviluppare una nuova destinazione turistica – e una sessione di lavoro congiunto dedicata alla progettazione di un’esperienza turistica di breve termine per precisi target di utenza.

 

Si è tenuto presso Ravno, in Bosnia, il secondo incontro tra i produttori del settore agroalimentare della omonima Regione Bosniaca, con gli esperti del progetto “Agribusiness” il cui obiettivo è rafforzare lo sviluppo rurale e commerciale del settore agroalimentare dell’area transfrontaliera tra la regione di Ragusa (Dubrovnik) e l’ Erzegovina.

All’incontro hanno partecipato oltre una ventina di produttori della Regione e rappresentanti delle agenzie di sviluppo Bosniache e Croate oltre agli esperti di Informest.

Nel corso del dibattito sono emersi i problemi dei produttori Bosniaci, che pur avendo prodotti di ottima qualità hanno difficoltà ed esportarli e nel migliorare il ciclo produttivo per la carenza di idonei macchinari per la lavorazione e confezionamento dei prodotti alimentari.

 

L’ Assessorato regionale al lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università ha organizzato due nuove edizioni del “Corso di europrogettazione” gratuito aperto a tutti i laureati intenzionati a dotarsi delle conoscenza e competenze utili anche a proporsi nel mercato del lavoro nell’area della progettazione europea.

Obiettivo del corso è rafforzare la presenza di persone in grado di interpretare al meglio i bandi europei e darvi risposta attraverso progetti coerenti con il dettato dei bandi stessi e rispondenti al fabbisogno e alle politiche di sviluppo regionali.    

 

Nelle giornate del 15-17 giugno u.s. Informest ha completato la prima missione di supporto allo sviluppo turistico nella città di Goražde, in Bosnia-Erzegovina, nel quadro del progetto finanziato dall’Unione Europea finalizzato alla costituzione di una “Business Improvement Zone” a sostegno delle piccole e medie imprese locali e per lo sviluppo della capacità imprenditoriale nell’area. Goražde, città sulla Drina pesantemente colpita dagli eventi bellici degli anni 93-94, sta cercando di rilanciare la sua economia puntando sull’artigianato locale e sul turismo, settore di buone prospettive grazie alla felice collocazione della città, immersa tra le foreste e attraversata da un fiume ricco di acque.

 

Due diversi percorsi per le due delegazioni che nella settimana dal 9 al 13 maggio hanno partecipato alle  visite di studio organizzate nell’ambito del progetto EU FITO-BiH in Italia, dai controlli fitosanitari alla  certificazione e registrazione delle sementi.

La prima visita ha riguardato i controlli fitosanitari ed in particolare le attività di monitoraggio di organismi di quarantena. La visita è avvenuta con il supporto dei servizi fitosanitari della Regione Friuli Venezia-Giulia e della Regione Emilia-Romagna. Durante la visita sono state dimostrate le procedure e le metodologie per il controllo di patate prevenienti da paesi terzi (Egitto) presso il punto di controllo del porto di Trieste, illustrando praticamente come vengono prelevati i campioni per le analisi, che sono state mostrate durante la visita al laboratorio regionale fitosanitario. Il controllo delle piante da propagazione ed il monitoraggio degli organismi da quarantena e di qualità è stato il tema di discussione durante la vista ai Vivai Cooperativi di Rauscedo, dove la delegazione e’ stata ricevuta dal Presidente stesso della cooperativa. La delegazione ha poi ricevuto un training pratico sull’uso del sistema FITOGIS, in uso presso il Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna, con una visita presso un’azienda frutticola nell’area imolese e successivamente presso gli uffici del servizio stesso. La settimana di visita si è conclusa con il controllo fitosanitario e la certificazione di qualità di piante e sementi condotte con una visita ad un’azienda del ferrarese in cui vengono prodotte sia patate da seme che piantine di fragola.

 

Informest ha avviato le attività dei progetti ammessi a finanziamento in risposta al bando lanciato a febbraio dal Programma transfrontaliero IPA Adriatico. Sulla Priorità 3 Accessibilità e reti, Misura 2.1 sistemi di trasporto sostenibile Informest è coinvolta in qualità di partner in CAPTAIN, Capitalizzazione dei modelli di trasporto della rete adriatico-ionica a supporto dello sviluppo dell’EUSAIR/ Capitalization of Transport models in Adriatic Ionian Network for supporting EUSAIR development con capofila la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Direzione Infrastrutture e Territorio.

Il bando era mirato allo sviluppo della Strategia Macro regionale Adriatico Ionica (EUSAIR), con l’obiettivo di fare tesoro dei risultati più importanti ottenuti nel corso di implementazione dei precedenti progetti finanziati, attraverso un processo di capitalizzazione che sia in grado di valorizzare e di potenziare gli obiettivi già raggiunti, finalizzati a contribuire all’implementazione delle priorità individuate nell’ambito dei singoli Pilastri della strategia EUSAIR.

 

L’AICCRE (Associazione per il consiglio dei Comuni, delle Province e Regioni d’Europa) del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con Informest, organizza tre incontri in Regione per illustrare il Programma "Europa per i cittadini" e le opportunità a favore degli Enti locali.

Agli incontri, a cui parteciperanno professionisti esperti in programmazione europea, sono invitati gli Amministratori locali, le associazioni del territorio. Al termine di ciascuna serata, verranno diffuse le informazioni utili per beneficiare del supporto dell'AICCRE del Friuli Venezia Giulia nella valutazione e predisposizione dei progetti.

Il primo incontro si svolgerà a Gradisca d’Isonzo lunedì 13 giugno 2016 ore 18.00 presso la Sala Consiliare – Palazzo Torriani.

 

Il racconto della tragedia che ha colpito da due anni a questa parte la comunità degli yazidi, minoranza etnico-religiosa pre-mussulmana, che vive nella regione del Kurdistan iracheno, ha commosso l’intero Friuli Venezia Giulia.

Gli incontri che la delegazione yazida, guidata dalla deputata federale irachena, Vian Dakhil Saeed, ha avuto la scorsa settimana con le istituzioni e la cittadinanza della nostra regione hanno toccato il cuore di tutti: rappresentanti politici e semplici cittadini. I numeri del massacro di questa comunità sono impressionanti: tremila vittime, più di quattromila tra donne e bambini ancora schiavi dei terroristi islamisti, 420.000 sfollati nei campi profughi e un aiuto internazionale che non riesce a colmare neppure i fabbisogni primari dei sopravvissuti.

 

Si è svolta a Dubrovnik l’11 maggio scorso la conferenza finale del progetto EA SEA-WAY, dal titolo “Capitalizzazione dei risultati nei modelli di trasporto e mobilità dei passeggeri per il supporto allo sviluppo della strategia europea per la regione adriatico ionica (EUSAIR)”. 

Il partenariato del progetto, co-finanziato dal programma di cooperazione IPA Adriatico 2007-2013, ha lavorato per 32 mesi con un budget di 6 milioni e mezzo di euro per rafforzare sistemi sostenibili di trasporto passeggeri a beneficio del Programma IPA Adriatico e per mettere a disposizione di EUSAIR alcune buone pratiche e risultati concreti.

La conferenza finale ha visto la partecipazione di circa 80 partecipanti provenienti dai 7 paesi  dei 20 partner e 16 associati del progetto (Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Serbia e Grecia). 

 

Giovedì 5 maggio si è tenuto, a Sarajevo il V Steering Committee del progetto Twinning  ""Further strengthening of capacities of phytosanitary sector in the fields of plant protection products, plant health and seeds and seedlings, including phytosanitary laboratories and phytosanitary inspections”.

All’incontro hanno preso parte i rappresentanti del Ministero italiano delle politiche agricole, alimentari e forestali, capofila del progetto, e per parte locale i referenti delle principali istituzioni beneficiarie delle attività. Bruno Faraglia, dirigente del Servizio fitosanitario centrale, produzioni vegetali del Ministero italiano  delle Politiche Agricole, Project Leader del progetto, ha aggiornato i partecipanti circa l’avvio a livello europeo dei documenti preparatori per il nuovo regolamento sui fertilizzanti, mentre Snezana Akulovic, Project Leader del paese beneficiario del progetto, ha confermato che anche il nuovo regolamento sulla protezione delle piante sarà approvato dal Parlamento entro l’anno.

 

Con una partecipata cerimonia di inaugurazione è stato aperto il Business Service Centre di Gorazde, situata nel Cantone di Podrinje, in Bosnia Erzegovina. Il centro, che rappresenterà il cuore della nuova Business Improvement Zone della città bosniaca, è stato realizzato grazie ai fondi del Programma IPA per lo sviluppo locale della Bosnia Erzegovina sotto il coordinamento di OXFAM Italia e la partecipazione di Informest, il Cantone, il Comune e la Camera di Commercio di Gorazde.

Si tratta del primo risultato concreto raggiunto dal progetto che ha visto partire da subito i lavori di ristrutturazione di una storica palazzina nel centro citta che oggi è adibita a centro polifunzionale per le attività imprenditoriale della zona e che potrà dare nuovi impulsi allo sviluppo economico locale.

 

Si svolgeranno il 15, 16 e 17 marzo 2016 a Ioannina (Grecia) la seconda sessione tematica e il workshop sulla pesca e l'acquacoltura organizzati nell'ambito del progetto AdriGov, Piano operativo per la governance in area Adriatico-Ionica. Gli eventi fanno parte delle iniziative congiunte realizzate per la ricerca delle sinergie tra l'Euroregione Adriatica e il nuovo scenario creato dalla costituzione della Macroregione Adriatico Ionica.

Il 15 marzo a seguito della conferenza stampa dedicata al Progetto si svolgerà la 2 ° sessione tematica sulla pesca e l'acquacoltura, introdotta dai rappresentanti della Regione Molise, capofila del progetto. 

 

Identificare e costruire sinergie intelligenti, incoraggiare i processi di cambiamento e ridefinire i modelli di business: questi alcuni dei concetti emersi dalla due giorni di formazione realizzata da Informest in collaborazione con il Servizio alta formazione e ricerca della Regione FVG e la European Foundation for Cluster Excellence sul tema del Cluster Excellence management nell’ambito del progetto CLUS3. Rappresentanti dei cluster regionali e dei Parchi Scientifici e Tecnologici sono stati coinvolti nel seminario con l’obiettivo di migliorare l’analisi strategica delle filiere produttive e la capacità gestionali dei cluster, offrendo servizi di qualità ai propri membri.

 

Sono aperte le selezioni per gli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Trieste, per effettuare tre mesi di tirocinio presso Informest (1 marzo – 31 maggio 2016). Ai candidati viene richiesta un’ottima conoscenza della lingua inglese; la conoscenza di una seconda lingua dei paesi target Informest sarà considerata titolo preferenziale. I candidati ritenuti idonei, in base allo screening dei curricula, verranno convocati tramite e-mail per i colloqui di selezione che si svolgeranno il il 23 e 24 febbraio.

Gli interessati possono inviare il proprio curriculum vitae entro e non oltre il 18 febbraio 2016, via posta elettronica alla dott.ssa Elisa Sfiligoi: elisa.sfiligoi@informest.it.

 

Il corso è aperto a giovani laureati disoccupati che intendono dotarsi di conoscenze e competenze utili a proporsi nel mercato del lavoro nell’area della progettazione europea. Il corso è finalizzato a rafforzare la presenza nel Friuli Venezia Giulia di persone in grado di interpretare al meglio i bandi europei ed elaborare progetti coerenti con il dettato dei bandi stessi e rispondenti al fabbisogno e alle politiche di sviluppo regionali.

Il corso si articola in 80 ore ed è tenuto da dirigenti, funzionari regionali e professionisti esperti nel settore. Fornisce un panorama generale sui programmi comunitari, sia i fondi strutturali che i programmi a gestione diretta, prevedendo anche laboratori funzionali a simulare l’effettivo percorso della progettazione.

 

La facoltà di traffici e comunicazioni dell'Università di Sarajevo, nell'ambito della realizzazione delle attività progettuali del progetti EA SEA-WAY e EASYCONNECTING, ha organizzato una tavola rotonda svoltasi il 10 dicembre. L'obiettivo principale dell'incontro è stato sottolineare l'importanza di una maggiore integrazione della Bosnia-Erzegovina ai flussi di traffico adriatico-ionici in accordo con la strategia dell'UE per la Macroregione Adriatico - Ionica, come fattore primario del suo sviluppo futuro.

 

Martedì 15 dicembre 2015, la Commissione Europea ha approvato il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia 2014-2020. Il valore complessivo del Programma ammonta quasi a 237 milioni di Euro. Il programma sosterrà i due Paesi nello sviluppo del proprio potenziale crescita blu investendo in ricerca e innovazione nei settori dell’economia blu e nel  monitoraggio congiunto dei cambiamenti climatici e la prevenzione dei rischi naturali.

 

Sono state pubblicate le priorità per il 2016 del programma “Europa per i cittadini”. Il Programma sostiene progetti finalizzati alla costruzione di un'Europa più tangibile per i suoi cittadini; allo sviluppo di un'identità europea unitaria fondata su comuni esperienze storiche e culturali; alla creazione di un senso di appartenenza all'Unione Europea; allo scambio di esperienze fra cittadini di diverse aree geografiche, al fine di contribuire al dialogo interculturale e alla reciproca conoscenza.

 

Si è svolta a Praga il 23 novembre scorso la conferenza finale del progetto CLUS3 organizzata da Czech Invest, agenzia nazionale della Rep.Ceca per lo sviluppo economico. La conferenza ha offerto l’occasione per presentare ai cluster manager cechi i principali risultati del progetto fra i quali la certificazione di eccellenza dei cluster e la formazione di manager  e funzionari pubblici in tema di politiche di sviluppo e gestione dei cluster. Durante l’evento è stato consegnato il marchio “Oro” al cluster ceco CREA (energie rinnovabili e trattamenti delle acque) da parte del Segretariato Europeo per la Cluster Analysis (ESCA).

 

La SME WEEK di Ferrara si inserisce all’interno delle iniziative previste dal progetto europeo SMART INNO, un progetto europeo finanziato dal programma di Cooperazione Territoriale 2007-2013 IPA Adriatico.  Ferrara sarà il palcoscenico di una  tre giorni dedicata al settore culturale e creativo, un’occasione per parlare di strumenti, strategie, pratiche d’innovazione, per scambiare esperienze e per fare rete tra gli attori del settore. Un ciclo di eventi gratuiti diffusi per la città, una  tre giorni itinerante per capire come sostenere e rilanciare la cultura e la creatività del territorio. 

 

In occasione del 20° anniversario, ALPARC – la Rete delle Aree Protette Alpine lancia un concorso dal titolo “Collegare le persone, la montagna e la natura” (Connecting people, mountain, nature). Il concorso fotografico & land art “Collegare le persone, la montagna e la natura” ha l’obiettivo di mettere in primo piano tutte le singole persone che costituiscono la Rete ALPARC e rafforzare il legame tra le persone e la natura. Il concorso è aperto sia al personale delle Aree Protette che al grande pubblico, in base alle categorie previste. Le iscrizioni al concorso sono aperte e i partecipanti potranno caricare le loro foto fino al 20 dicembre 2015 su questa pagina: http://alparc.org/photocontest/

 

L’Agenda Digitale Regionale promuove fino al prossimo 8 dicembre 2015 una consultazione pubblica per definire le linee guida e le priorità per lo sviluppo digitale del FVG. La consultazione prevede la compilazione di un questionario. Nel segno di un percorso partecipato, la Regione intende coinvolgere tutti gli attori del territorio: pubbliche amministrazioni, imprese, università e cittadini

L’Agenda Digitale Regionale si colloca nel contesto dell’Agenda Digitale Europea, una delle iniziative portanti di Europa 2020.  

 

È stato firmato quest’oggi, presso la sala Consiliare del Comune di Sacile, l’accordo di collaborazione tra i Comuni di Sacile, San Stino di Livenza e Novigrad- Cittanova (Croazia) con Informest per la predisposizione di un progetto per la rigenerazione e riqualificazione urbana, da presentare all’interno del Programma Italia – Croazia 2014-2020.

Con il supporto di Informest, gli Enti Territoriali potranno per la prima volta cimentarsi nella nuova programmazione 2014-2020, presentando una progettualità che possa valorizzare le risorse naturali e culturali del proprio territorio, promuovendo anche soluzioni innovative per la promozione turistica dei centri urbani.

 

Sono aperte le iscrizioni al percorso di supporto imprenditoriale riservato a progetti culturali e creativi.

Musicisti, registi, fotografi, pittori, architetti, designer e altri attori dell’industria culturale e creativa (CC) spesso incontrano difficoltà a trasformare la loro passione e professione in un’occasione di ritorno economico stabile e duratura. Le opportunità per ottenere profitti dalla propria attività culturale creativa, però, esistono: smART “Creative Business Lab” nasce per offrire a progetti del settore CC informazioni e strumenti utili a sfruttare queste opportunità. Nell’ambito del progetto europeo SMART INNO, Friuli Innovazione lancia “SmART”, un percorso di supporto imprenditoriale tarato sulle esigenze del settore culturale e creativo. Tramite corsi di formazione, eventi e iniziative di networking, i partecipanti verranno accompagnati in un percorso di definizione e sviluppo della propria idea al termine del quale i progetti selezionati potranno accedere a un supporto individuale.

 

Le piccole e medie imprese italiane sono in cima alla classifica europea per domande di finanziamento Ue fatte tramite lo "SME Instrument" di Horizon 2020. Questo programma si pone l’obiettivo di sostenere le piccole e medie imprese europee nel portare sul mercato i propri prodotti e servizi. Il bando, scaduto il 17 settembre 2015, ha visto in testa le imprese italiane (449 per la fase 1 e 220 per la fase 2), seguite da quelle spagnole e inglesi. Alla stessa data di scadenza, il maggior numero di progetti è stato presentato nel settore Ict (720), seguito da nanotecnologie, sistemi energetici a basse emissioni ed eco-innovazione. In tutto le proposte ricevute sono state 2.833.

 

La piattaforma di apprendimento online Iversity.org ha aperto le iscrizioni per il corso online gratuito su “Regioni, istituzioni e politiche”. Il corso, che partirà il 19 ottobre, è progettato per gli enti locali e regionali, ma è aperto a tutti coloro che siano interessati all’Europa e le sue regioni e città.

Nel corso di un periodo di otto settimane circa 50 politici, esperti e accademici discuteranno argomenti di interesse per gli enti locali e regionali, come la politica di coesione dell’UE, la specializzazione intelligente, la migrazione e l’accesso ai programmi comunitari.

Il corso prevede la presentazione di video, schede informative e dibattiti dal vivo, in web-streaming dal Comitato delle regioni, oltre ad un forum sociale per scambi e feedback. Chi - al termine del corso - avrà partecipato ad almeno l’80% delle lezioni, potrà ricevere un attestato di partecipazione.

Per iscriversi seguire questo link.

 

Le PMI che hanno partecipato al Roadshow "Italia per le Imprese" organizzato da ICE e hanno i requisiti richiesti dal Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 15 maggio 2015, potranno dotarsi di un Temporary Export Manager che aiuti a esportare il business con successo, usufruendo della quota di riserva dei voucher per l'internazionalizzazione.

Le PMI interessate a beneficiare del voucher devono compilare il questionario: https://goo.gl/pOeCpw

ICE-Agenzia effettuerà le necessarie verifiche e valutazioni ai fini del rilascio dell'attestato di sufficiente potenzialità di internazionalizzazione richiesto per accedere alla quota di riserva citata nel decreto.

Maggiori informazioni via e-mail al seguente indirizzo: voucher@ice.it

 

Una delegazione del governo argentino, impegnata in una visita di studio presso alcune aree di eccellenza nazionale, farà tappa a Gorizia, nella sede di Informest il 22 settembre, per approfondire a conoscenza sul tema della “collaborazione transfrontaliera” nei settori: salute, ambiente e turismo.

La delegazione è composta da una dozzina di rappresentanti provenienti, fra gli altri, dal Ministero dell’industria, Ministero dell’agricoltura,  Ministero della Scienza Tecnologia e innovazione produttiva, Ministero degli affari esteri. La visita è organizzata da FormezPA nell’ambito di EUROsociAL, il programma di cooperazione istituzionale tra Unione Europea e America Latina finanziato dalla Commissione europea con l'obiettivo di sostenere le politiche pubbliche tese al miglioramento della coesione sociale nella regione latinoamericana. 

 

Nell’ambito del programma Horizon 2020, la Commissione europea ha organizzato un Information Day in corso oggi a Brussels, per presentare il Work Programme 2016 sulla Societal Challenge “Climate Action, Environment, Resource Efficiency and Raw Materials” . E’ possibile seguire l’evento in diretta streaming e inviare domande su twitter a @EU_ecoinno utilizzando #H2020SC5.

La sessione plenaria del mattino informerà circa la strategia generale, gli aspetti orizzontali ed i temi delle calls nel quadro del nuovo programma di lavoro 2016 e fornirà indicazioni sulla preparazione e presentazione delle proposte. Le sessioni pomeridiane saranno dedicate a temi specifici delle calls 2016 e comprenderanno opportunità di networking.

 

Scade il 16 novembre 2015 il termine per la presentazione delle proposte in risposta al bando pubblicato in agosto "innovazioni sociali per sostenere le riforme dei servizi sociali" nell'ambito del programma EASI, Occupazione e Innovazione Sociale, Asse PROGRESS.

Il bando VP/2015/011 , dispone di un budget di oltre 10 milioni di euro da destinare a progetti di sperimentazione sociale finalizzati a testare soluzioni innovative di riforma delle politiche sociali, in vista di una loro implementazione su larga scala. L’obiettivo è quello di promuovere la politica dell'innovazione nell'organizzazione e nella fornitura di servizi sociali finalizzati all'integrazione degli utenti dei servizi del mercato del lavoro.

 

Al convegno svoltosi presso l’Auditorium di via Sabbadini e organizzato dalla Regione Lombardia,  sono state presentate le esperienze e prospettive di cooperazione nell'arco alpino. In particolare è stata presentata la strategia macro regionale EUSALP, e date indicazioni ai partecipanti (circa un centinaio) per la partecipazione ai bandi pubblicati nell’ambito del Programma Spazio Alpino 2014-2020.

La strategia Macroregionale si basa su 3 pilastri: crescita economica e innovazione, accessibilità sostenibile e garantire un quadro ambientale più inclusivo, con un quarto pilastro trasversale di governance Macroregionale, destinato soprattutto ad accrescere la capacità istituzionale nei territori del Programma.

 

La Commissione Europea ha lanciato la terza edizione del premio europeo per le donne innovatrici. E’ possibile candidarsi fino al 20 ottobre.

Il premio mira a sensibilizzare il pubblico rispetto al bisogno di maggiore innovazione e di un numero maggiore di donne innovatrici. Saranno premiate tre donne che si siano distinte per eccellenza scientifica e capacità imprenditoriali e che siano d’esempio per altre donne.

Possono partecipare alla competizione donne imprenditrici residenti nell’UE o in uno stato associato al programma Horizon 2020, fondatrici o co-fondatrici di un’azienda attiva, registrata prima del 2013, che abbia realizzato un fatturato di almeno 100.000 euro nel 2013 o nel 2014.

 

La prima call per il periodo di programmazione 2014-2020 apre oggi per gli assi prioritari 1, 2 e 3 con i seguenti tipi di progetti: Studio (M1), Test (M2), Capitalizzazione (M3), Studio e test  (M1+2) test e capitalizzazione (M2+3).

Per una descrizione dettagliata dei contenuti del programma, degli obiettivi specifici e tipi di progetti, incluse informazioni sulle azioni possibili, beneficiari e gruppi target bisogna fare riferimento alla sezione 2 del Programma di Cooperazione di Interreg MED adottato dalla commissione Europea il 2 giugno 2015 e ai termini di riferimento. In questo bando una proposta progettuale deve focalizzarsi su un solo obiettivo specifico.

 

Gli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Trieste possono presentare domanda pereffettuare tre mesi di tirocinio presso Informest (22 settembre – 22 dicembre 2015) entro il 6 settembre. Ai candidati viene richiesta un’ottima conoscenza della lingua inglese; la conoscenza di una seconda lingua dei paesi target Informest sarà considerata titolo preferenziale. I candidati ritenuti idonei, in base allo screening dei curricula, verranno convocati tramite e-mail per i colloqui di selezione che si svolgeranno il 9, 10 e 11 settembre 2015.

 

Scade il 15 settembre 2015 il bando "Progetto Pilota a supporto di reti di giovani imprenditori creativi in Europa e Paesi Terzi" pubblicato nell'ambito del programma "Europa Creativa" che mette a disposizione 800.000 euro.

L’obiettivo del bando EAC/S11/2015  e del progetto pilota è di creare una piattaforma che raccolga le reti esistenti di giovani imprenditori attivi nei settori culturali e creativi nell'UE e nei paesi terzi e per facilitarne la creazione di nuove. La piattaforma consentirà connessioni / scambi tra professionisti europei e dei paesi terzi e contribuirà alla creazione di una nuova generazione di professionisti della creatività per accelerare il loro sviluppo professionale.

 

Scade il 10 settembre 2015 il bando EAC/S08/2015  relativo a "Network europeo di centri e spazi di co-working creativi", pubblicato nell'ambito del programma "Europa Creativa" che mette a disposizione 1.000.000 euro per fornire un sostegno per la creazione una rete europea di centri e spazi di co-working per i professionisti e imprenditori culturali e creativi. Un hub creativo è un'infrastruttura o luogo che affitta parte del suo spazio o lo rende disponibile par fare rete, per creare sviluppo di organizzazioni e business per i settori culturali e creativi. Molti spazi di co-working del settore creativo si riferiscono a se stessi come "hub creativi".

 

Scade il 24 agosto 2015 il bando relativo a "Progetto pilota per il crowdfunding nei settori della creatività e della cultura", pubblicato nell'ambito del programma "Europa Creativa"

L' obiettivo del bando e del relativo progetto pilota è quello di individuare, analizzare e diffondere le migliori pratiche nell'ambito del crowdfunding in Europa nei settori culturali e creativi, comprese tra l'altro architettura, archivi, biblioteche e musei, artigianato artistico, audiovisivo (film, televisione, videogiochi e multimedia, patrimonio culturale tangibile e intangibile, design, festival, musica, letteratura, spettacolo, editoria, radio ed arti visuali).

 

Scade il 21 agosto 2015 il bando per la preparazione di uno "Studio sullo sviluppo del pubblico – come mettere il pubblico al centro delle organizzazioni culturali”. pubblicato nell'ambito del programma "Europa Creativa".

Lo scopo dello studio è quello di fornire strategie di successo e metodi nel settore dello sviluppo pubblico da diffondere tra le organizzazioni culturali europee. Inoltre saranno utilizzati come base per i criteri di selezione per futuri inviti a presentare proposte pubblicati dal programma Europa creativa

 

La fase preparatoria è iniziata il 23 giugno per permettere ai soggetti interessati di prepararsi alla presentazione dei progetti in vista dell’apertura ufficiale dell'avviso il 1° settembre 2015 fino al 2 novembre 2015. Potranno partecipare al bando autorità pubbliche, agenzie di settore, PMI, centri di ricerca, università, ONG, organizzazioni internazionali e privati. Dopo la valutazione e l’approvazione si prevede che i progetti partiranno a Settembre 2016.

Disponibili qui i termini di riferimento e il manuale di programma

 

In allegato il calendario delle 21 Giornate Informative che saranno organizzate a Roma, da APRE per conto del MIUR, a partire da settembre 2015 in occasione del lancio dei nuovi bandi 2016/2017 delle 21 tematiche di ricerca di Horizon 2020 che la  Commissione europea lancerà dal prossimo autunno 2015.

La partecipazione alle giornate informative è gratuita, con un numero di posti è limitato.

 

Informest 2020 - al servizio del territorio

CRE:HUB

Progetto "CRE:HUB - Policies for cultural CREative industries: the HUB for innovative regional development"

Primo Bilancio della Presidenza Bertossi

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Photo gallery

Il Presidente di Informest Bertossi, la Presidente della Regione FVG Serracchiani e l’Assessore Peroni alla firma della convenzione, Trieste 22 ottobre 2014.

[ Il Presidente di Informest Bertossi, la Presidente della Regione FVG Serracchiani e l’Assessore Peroni alla firma della convenzione,
Trieste 22 ottobre 2014.
]

Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Aree di intervento

Enti fondatori