Il Progetto KEPASS entra nel vivo: dopo la presentazione del progetto dello scorso gennaio, si passa alla presentazione delle modalità di accreditamento per le selezioni finali.

Entra nella sua fase operativa KEPASS, progetto europeo destinato alle scuole superiori di secondo grado: la Regione Friuli Venezia Giulia presenterà ai dirigenti scolastici, nella sede regionale di Udine il 15 aprile, le indicazioni per l’iscrizione al progetto di mobilità in seguito al quale, in base a requisiti oggettivi e a valutazioni di merito assegnati a punteggio, verranno operate le selezioni.

Il progetto europeo, promosso dalla Regione Friuli Venenzia Giulia attraverso Informest, ha come obiettivo l’integrazione comunitaria, una maggiore competitività tra i sistemi scolastici coinvlti e soprattutto la promozione di scambi tra studenti di diverse nazionalità delle due sponde dell’Adriatico che permetta ai ragazzi coinvolti di entrare in contatto con culture, lingue e curricula diversi dai propri.

Il piano prevede di coinvolgere un guppo di 15 ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 18 anni, frequentanti la quarta superiore e provenienti da almeno 3 scuole per una durata di 3 mesi.

Per poter inviare e ricevere studenti gli istituti potranno partecipare alla procedura per l'accreditamento se, come requisiti minimi, saranno in grado di offrire un valore aggiunto agli studenti in termini di offerta educativa, attività extra-scolastiche pomeridiane, moduli di didattica internazionali, uso del CLIL (immersione linguistica) e/o utilizzo di più lingue straniere.

Oltre all’importante accento sull’insegnamento di una o più lingue straniere e sulla proposta di attività extra curricolari, ulteriori elementi a favore della selezione saranno la presenza di convitti o strutture ricettive convenzionate con l’istituto ospitante e la presenza di un servizio di mensa.

La mobilità KEPASS è inserita nel progetto Knowledge Exchange Program for the Adriatic School System e si basa sul Programma di Cooperazione territoriale transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013; per l'Italia parteciperanno, oltre al Friuli Venezia Giulia, la Regione Marche, il Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico e il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca. Informest, in qualità di partner tecnico, curerà tutte le fasi operative del progetto.



Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Claudio Cressati nuovo presidente di Informest

[ Il Messaggero Veneto, 3 novembre 2017 ]

Informest Social - Facebook

Informest Social - Twitter

Informest 2020 - al servizio del territorio

Aree di intervento

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Enti fondatori