Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Informest, Provincia di Trieste e Comune di Trieste hanno accolto nella serata di venerdi 26 giugno presso il Molo IV i quaranta passeggeri di varie nazionalità (Italia, Croazia, Spagna e Australia) di rientro dal primo viaggio dell’aliscafo che collegherà fino al primo settembre Trieste all’Istria (Pirano, Rovigno, Pola).

In occasione dell’evento, il Direttore Mauro Zinnanti del Servizio Mobilità della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, ha presentato il progetto “Europe-Adriatic SEA-WAY”, finanziato dal programma di cooperazione territoriale transfrontaliero IPA-Adriatico 2007-2013 di cui la Regione è capofila ed Informest partner.

Mauro Zinnanti ha sottolineato la necessità di un Polo Intermodale a servizio della Regione Friuli Venezia Giulia che garantisca la valorizzazione del territorio in chiave turistica transfrontaliera. “Vogliamo essere in grado di vincere queste sfide e abbiamo le potenzialità per farlo” afferma Zinnanti, citando, tra le esperienze di successo della programmazione europea 2007 – 2013, il Progetto MICOTRA che ha collegato su rotaia Udine e Villacco. “La Regione Friuli Venezia Giulia vuole continuare ad investire sulla multimodalità sostenibile e proseguirà, anche grazie al supporto tecnico di INFORMEST, con i Progetti Europei ad attrarre finanziamenti per sostenere ulteriormente lo sviluppo di servizi di trasporto pubblico (bici&treno, nave&bici, treno&bici) ed infrastrutture ciclabili".

“Europe-Adriatic SEA-WAY: un’altra buona pratica di INFORMEST che sta portando al territorio regionale risultati tangibili”– ha commentato il Presidente Enrico Bertossi, ad un anno esatto dalla sua nomina – “questo progetto strategico tramite venti azioni pilota che ammontano a oltre quattro milioni di euro, promuove l’integrazione dei trasporti a garanzia del diritto alla mobilità dei cittadini, requisito fondamentale per la coesione sociale e lo sviluppo economico. EA SEA-WAY ha rafforzato il dialogo transfrontaliero e transnazionale tra Ministeri dei Trasporti, Autorità Portuali, Regioni e Università dell’Adriatico istituendo dei tavoli di lavoro permanenti che contribuiscono in maniera strategica alla sostenibilità del trasporto marittimo dei passeggeri in un’ottica EU2020.”

All’evento, aperto al pubblico, erano inoltre presenti l’assessore ai trasporti Vittorio Zollia della Provincia di Trieste ed Edi Kraus, Assessore Sviluppo e attività economiche, fondi comunitari Trieste che hanno espresso ampia soddisfazione per l’avvio del servizio marittimo.

Il servizio di aliscafo gestito da Trieste Lines partirà dal Molo IV ogni lunedì, martedì e giovedì per Pirano e Rovigno, mentre di venerdì, sabato e domenica collegherà anche Pola; giorno di riposo mercoledì.

Il collegamento, finanziato dalla Regione per il 2015 con 889.000,00 euro di fondi regionali e reso possibile anche grazie al progetto "EA SEA-WAY", che ha cofinanziato la linea per il 2014 con fondi europei per 690.000 euro e fondi regionali per 110.000 euro, consente di incrementare le potenzialità turistiche di Trieste e della regione attivando un importante flusso di passeggeri nei due sensi, che va a premiare soprattutto gli arrivi a Trieste. Acronimo di Europe-Adriatic Sea-Way, "EA SEA-WAY" coinvolge 19 partner di otto paesi della costa adriatica.

Il progetto strategico punta a migliorare l'accessibilità e la mobilità dei passeggeri di quest'area con nuovi servizi di trasporto integrati e sostenibili, per un rinnovo delle infrastrutture e della rete di collegamenti fra i porti e l'entroterra adriatico. L'obiettivo della partecipazione regionale al progetto è quello di implementare i servizi marittimi internazionali passeggeri tra il Friuli Venezia Giulia, la Slovenia e la Croazia.



Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Claudio Cressati nuovo presidente di Informest

[ Il Messaggero Veneto, 3 novembre 2017 ]

Informest Social - Facebook

Informest Social - Twitter

Informest 2020 - al servizio del territorio

Aree di intervento

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Enti fondatori