13 partner e 6 paesi europei (Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Montenegro, Grecia e Italia) sono coinvolti nel progetto "Adrigov", che ha toccato la nostra regione con un  ciclo di seminari formativi sulle politiche europee per la cultura e la creatività, organizzati da Informest a Bari, Ancona, Trieste, Scutari, Mostar ai quali sono intervenuti un centinaio di partecipanti - provenienti da associazioni culturali, enti pubblici locali, liberi professionisti, operatori della cultura e dello spettacolo. A settembre è previsto un ulteriore appuntamento a Ioannina in Grecia per chiudersi a ottobre a Udine, con una borsa dei progetti, finalizzata alla creazione dei partenariati per il settore culturale e creativo. 

Co-finanziato dal programma transfrontaliero “Ipa Adriatico 2007-2013”, iniziato a maggio 2012 e in corso fino a dicembre 2015, il progetto AdriGov - Piano operativo della governance adriatica ha beneficiato di fondi europei per 3 milioni e 347mila euro.

L'obiettivo generale del progetto è capitalizzare le reti di cooperazioni esistenti e le iniziative in corso e costituire un valido supporto operativo al processo politico che comprende l’Euroregione Adriatica e la Macroregione Adriatico Ionica. Informest ha attuato azioni di trasferimento delle conoscenze per migliorare le informazioni e la sensibilizzazione in materia di integrazione europea e adesione dell'UE, diritti umani, diplomazia delle città e governance multilivello, contribuendo a migliorare le conoscenze e le competenze dei rappresentanti delle autorità locali e regionali coinvolte.

“AdriGov è un supporto operativo al processo politico che riguarda l'Euroregione Adriatica e la Macroregione Adriatico Ionica - spiega il presidente di Informest, Enrico Bertossi -, che contribuisce ad elaborare un modello innovativo di governance attraverso il coordinamento e l'integrazione delle comunità regionali e locali. Il progetto consolida l'integrazione tra Stati, coinvolgendo autorità locali e società civile nella realizzazione della politica regionale dell’UE”. “E' stata una positiva esperienza di formazione per chi, come me, non ha avuto una preparazione specifica in questo ambito - testimonia Paola Rivolt della Fondazione Aquileia -, ma che ha lavorato nei progetti finanziati dai programmi europei imparando "sul campo". Ho apprezzato quindi la panoramica presentata sui programmi di finanziamento e sulle possibili applicazioni in ambito culturale, con focalizzazione gli obiettivi delle strategie europee”.

La formazione si inserisce fra le cinque azioni a supporto dell’integrazione europeaproposte dal progetto: la prima preparava gli stakeholder delle regioni adriatiche nella realizzazione di strumenti finanziari europei; la seconda sosteneva la cittadinanza europea, promuovendo la partecipazione attiva e il senso di identità europeo attraverso il multilinguismo e la multiculturalità. La terza azione ha migliorato le competenze individuali tramite scambi di mobilità e collaborazione di dipendenti pubblici, tirocinanti e insegnanti. La quarta ha aumentato, grazie a corsi di formazione, la conoscenza dei partner stakeholders interessati in materia di diritti umani, diplomazia delle città e governance multilivello. Infine, la quinta azione promuoveva il dialogo interculturale anche con corsi di lingua.

La Regione Molise, capofila del progetto, sta coordinando l’elaborazione e la definizione di una strategia adriatico ionica condivisa, attraverso la fornitura di un’analisi dettagliata e l'approvazione dei piani di azione relativi a ciascuna politica e lavora per valorizzare i rapporti con altri organismi di cooperazione transnazionale, come le Euroregioni e per la costituzione di un ufficio AdriGov con sede a Bruxelles presso la delegazione della Regione Molise. I partner collaborano per definire il nuovo scenario della zona adriatica nei prossimi anni, considerando l'adesione nella UE di nuovi paesi adriatici e la costituzione della Macroregione Adriatico Ionica.

I risultati del progetto includono un rapporto dettagliato e delle linee guida sulle PMI e gli IDE in area adriatica, una road map riguardante i dati e le informazioni sui progressi compiuti dai paesi candidati e potenziali candidati per l'adesione all'UE, un programma d’azione sulla definizione dell'obiettivo convergenza di enti pubblici e altri soggetti interessati in area adriatica, una relazione di fattibilità e un'azione pilota sul nuovo strumento multilivello per la governance.



Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Claudio Cressati nuovo presidente di Informest

[ Il Messaggero Veneto, 3 novembre 2017 ]

Informest Social - Facebook

Informest Social - Twitter

Informest 2020 - al servizio del territorio

Aree di intervento

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Enti fondatori