Coordinato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo (MiPAAFT), l'obiettivo generale del progetto è quello di sostenere lo sviluppo del sistema delle denominazioni di origine controllata e delle indicazioni geografiche (IG) in Georgia attraverso la creazione di efficaci strumenti di supporto al sistema amministrativo, di controllo e sanzionatorio dei prodotti a denominazione di origine controllata, in linea con le più recenti disposizioni europee in materia.

In particolare, nei 24 mesi di attività gli esperti del Ministero delle Politiche Agricole italiano, degli enti di ricerca e dei servizi competenti delle amministrazione territoriali italiane, supportati dai colleghi francesi che agiscono nel progetto in qualità di Junior Partner, affiancheranno la controparte georgiana del Centro nazionale per la proprietà intellettuale della Georgia – “Sakpatenti” nel miglioramento ed adeguamento della legislazione e della struttura amministrativa/sanzionatoria per la protezione e controllo delle IG. Tra i risultati promessi, anche la creazione di 4 nuove indicazioni geografiche.

Informest curerà gli aspetti amministrativi e finanziari, supportando il MiPAAFT nella gestione dell’intero progetto.

Lo strumento dei gemellaggi amministrativi (Twinning), istituito dalla Commissione nel 1998, nasce con la finalità di fornire assistenza ai Paesi candidati all'adesione o nell’area di vicinato dell’Unione Europea, supportando le amministrazioni dei paesi beneficiari in uno sviluppo moderno ed efficiente degli apparati amministrativi e normativi, in linea con le disposizioni europee.

Nel 2016, a seguito di alcune importanti modifiche apportate ai regolamenti relativi alle regole finanziarie dell’Unione Europea, sono state aggiornate anche le procedure contrattuali riguardanti i progetti Twinning, nonché le regole per l’ammissione degli enti preposti alla gestione amministrativa e finanziaria (Mandated Body).

Informest già nell’aprile del 2017 ha ottenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) la conferma del suo status di “Full Mandated Body”. Prima della riforma erano 50 gli enti italiani accreditati al ruolo di “Mandated Body: a seguito della riforma sono solo 7 gli enti preposti alla gestione progettuale. Si conferma in tal modo il ruolo attivo di Informest nell’attuazione degli obiettivi che hanno dato vita alla legge 19/91, ampliando l’attività ai Paesi che rappresenteranno i futuri confini dell’UE allargata.



Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Claudio Cressati nuovo presidente di Informest

[ Il Messaggero Veneto, 3 novembre 2017 ]

Informest Social - Facebook

Informest Social - Twitter

Informest 2020 - al servizio del territorio

Aree di intervento

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Enti fondatori