Claudio Cressati è il nuovo Presidente di Informest. È stato nominato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia durante l’Assemblea ordinaria dell’Agenzia il 23 ottobre scorso assieme agli altri componenti del rinnovato Consiglio di Amministrazione: Edgardo Pesce, Vice Presidente, Daniela Coden, consigliere, entrambi in rappresentanza della Regione Veneto, Andrea Crismani e Diego Travagin, designati dal Friuli Venezia Giulia. Il nuovo collegio dei revisori è composto da Vittorio Pella, Presidente, Riccardo Brunello e Alessandra De Biasio.

Professore di Culture politiche in Europa all’Università di Udine, direttore del Master Erasmus Mundus Euroculture, coordinatore scientifico del Modulo Jean Monnet in Multilinguismo, cittadinanza multiculturale e integrazione europea e presidente dell’Accademia europeista del Friuli Venezia Giulia, Cressati è un profondo conoscitore e sostenitore del processo d’integrazione europea e dei suoi sviluppi storici, economici e istituzionali.

Cressati assumerà l’incarico fino ad aprile 2020. Il nuovo Presidente subentra a Enrico Bertossi che ha chiuso il suo mandato ad aprile 2017.

 


Informest a fianco del Ministero dell'Interno nella  conferenza ministeriale conclusiva del progetto IPA 2013 Balcani Occidentali dedicato al contrasto alla criminalità organizzata, realizzato grazie al finanziamento diretto della Commissione Europea, con l'Italia come capofila.
Alla conferenza partecipano, come confermato dal prefetto di Trieste Annapaola Porzio, «tutti i ministri» degli Interni dei Paesi balcanici ancora fuori dall’Ue, Serbia, Montenegro, ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Bosnia-Erzegovina, Albania e Kosovo. I paesi sono anche le aree di attività del progetto triennale finalizzato alla cooperazione di polizia giudiziaria nella lotta alla criminalità organizzata.

 

Adristorical Land e Artvision sono i due progetti finanziati dal Programma transfrontaliero IPA Adriatic CBC, che sono stati selezionati dalla Commissione Europea nell’ambito dell’Anno europeo dei beni culturali 2018 (European Year for Cultural Heritage 2018 – EYCH).

L’European Year for Cultural Heritage è un’iniziativa che la Commissione europea ha ideato per promuovere il patrimonio culturale attraverso eventi e celebrazioni che hanno lo scopo di incoraggiare i cittadini a riflettere sul ruolo che il patrimonio culturale occupa in tutte le nostre vite, a esplorare il patrimonio culturale ricco e diversificato dell’Europa e a comprendere, proteggere e valorizzare il suo valore.

 

Nell’ambito del Progetto CHIMERA (Cluster Culturali e Creativi Innovativi nell’Area Mediterranea) si è tenuto il 20 settembre a Trieste il workshop “La costruzione di un Cluster per il settore audiovisivo nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia: su cosa fare focus". Il workshop ha visto confrontarsi Marine Haverland, visual advisor del marchio audiovisivo della Regione di Bruxelles Capitale “screen.brussels”, con i principali attori del settore audiovisivo regionale. Per il settore audiovisivo regionale si è trattata di un’occasione preziosa di scambio e confronto con una realtà che rappresenta un vero e proprio ecosistema dell’audiovisivo. screen.brussels è infatti il marchio di un ecosistema audiovisivo formato da 4 diverse componenti: una Film Commission (screen.brussels Film Commission), un cluster (screen.brussels cluster), un fondo per l’audiovisivo che supporta le co-produzioni (screen.brussels fund) ed una linea di finanziamento dedicata alle imprese regionali operanti nel settore audio-visivo (screen.brussels business).

 

Nell’ambito del progetto ChIMERA-Finanziato dal Programma InterregMED, di cui la Direzione centrale cultura, sport e solidarietà è lead partner, con il supporto di Informest, il prossimo 4 e 5 ottobre si terranno a Ljubljiana una Conferenza Internazionale e un Investment Forum sul tema dei finanziamenti per le imprese culturali e creative (CCI) ai quali parteciperanno rinomati esperti del settore.

Il Forum rappresenta un’importante vetrina per avviare partnership e attività di cooperazione in ambito europeo. Si tratta di un momento di confronto tra diverse esperienze professionali nell’ambito del settore culturale e creativo per offrire la possibilità ai partecipanti di venire a contatto con esempi di buone pratiche che possono fornire elementi utili per replicare il loro successo nel settore di riferimento.

 

Si terrà a Nizza il 4 e 5 ottobre prossimi il Congresso Annuale “Scegliere una via per l’efficientamento energetico negli edifici pubblici nell’area mediterranea: indicazioni su politiche e pratiche”, organizzato dal network progettuale MEDNICE, progetto orizzontale finanziato dal Programma Mediterraneo e finalizzato alla creazione di una rete di amministrazioni ed enti pubblici dei paesi dell’area mediterranea attivi in campo energetico, per la condivisione di risultati ed obiettivi di efficientamento energetico. Alla comunità tematica di MEDNICE appartiene anche SISMA, un progetto teso a sviluppare schemi finanziari innovativi che sostengano gli investimenti delle pubbliche amministrazioni per le riconfigurazioni energetiche degli edifici pubblici, nel quale Informest opera come capofila, con la collaborazione di APE FVG – l’Agenzia Per l’Energia del Friuli Venezia Giulia – come partner tecnico, insieme altri sei attori tecnici di Spagna, Francia, Slovenia, Italia, Bosnia e Grecia. 

 

Trieste, 20 settembre - "Il progetto Chimera conferma il ruolo di primo piano del Friuli Venezia Giulia in un settore in cui stiamo rafforzando una vera e propria leadership e noi - ha affermato oggi a Trieste l'assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, in apertura del 2. workshop tra gli stakeholder regionali del settore audiovisivo - abbiamo il primato nazionale dell'effetto moltiplicatore della cultura inteso come capacità di muovere altre attività produttive". 

 

Informest 2020 - al servizio del territorio

Progetti in corso

[ Tutti i progetti in corso ]

Claudio Cressati nuovo presidente di Informest

[ Il Messaggero Veneto, 3 novembre 2017 ]

Informest: report di sostenibilità 2014-2016

Photo gallery

[ Il Presidente di Informest Claudio Cressati incontra i dipendenti ]

Aree di intervento

Enti fondatori

Informest Social